(foto Gianni Mattonai per gonews.it)


Gabriele Gravina, presidente della FIGC, è tornato a parlare della ripresa del calcio italiano. Ai microfoni di Radio Anch’io lo sport ha detto: “In più di 15 milioni hanno seguito la Coppa Italia. Ci avviamo alla normalità, è importante. Se l’evoluzione positiva della curva epidemiologica continuerà, i tifosi negli stadi saranno l’ultimo tassello”.

Ancora Gravina: “Ho temuto che si fermasse tutto, in particolare quando la Francia ha sospeso i propri campionati. Col ministro Spadafora abbiamo avuto un rapporto costante e collaborativo, la sua prudenza è stata utile. Malagò ha vissuto questi momenti in maniera distaccata, forse eccessivamente preoccupato dall’idea che la nostra potesse essere l’unica Federazione a ripartire”.

Il fondo per salvare il calcio è un’iniziativa importante per ripartire. Mi dispiace che qualcuno abbia voluto fare della strumentalizzazione attorno a tutto ciò. Lo stop al calcio femminile? Non si ripartirà da zero, lo garantisco. Mi è dispiaciuto tantissimo ma il 25 in Consiglio federale parleremo a lungo del calcio femminile, spero possano esserci sorprese” ha concluso Gravina.