empoli_fc-redazionale_ag19


Dopo un anno in cui a causa dei fallimenti di Bari ed Avellino la Lega aveva deciso di allestire un campionato a 19 squadre, come ricordato anche da La Gazzetta dello Sport, da questa stagione le cose torneranno alla normalità e saranno 20 le compagini impegnate in cadetteria. Dopo la retrocessione maturata in modo rocambolesco, l’Empoli è al lavoro da tempo per allestire una squadra in grado di centrare subito la promozione in massima serie e le notizie provenienti dal fronte calciomercato non fanno altro che dare nuovo entusiasmo alla piazza.

L’eredità della passata stagione

L’anno scorso, sebbene la stagione si fosse conclusa con la retrocessione in Serie B, l’Empoli era stata la squadra più positiva tra quelle invischiate nelle zone meno nobili della classifica. L’avvio targato Andreazzoli, l’interregno di Beppe Iachini, nonché il ritorno di Andreazzoli, non avevano permesso agli azzurri di trovare quella continuità di risultati necessaria per sopravanzare le dirette concorrenti in classifica. Come raccontato anche da ItaSportPress, al calcio propositivo e corale in fase offensiva, non aveva fatto da contraltare una fase difensiva altrettanto efficace e, alla fine, l’Empoli era stato costretto ad arrendersi solo nell’ultima partita di campionato giocata contro l’Inter.

Anche in quell’occasione, tuttavia, i toscani avevano impressionato per la qualità di gioco e per le tante occasioni da goal create, manifestando al contempo la solita scarsa concretezza che ha caratterizzato tutto il campionato. Nonostante non sia giunta la salvezza, la scorsa stagione ha comunque lasciato in eredità alla società la consapevolezza che il lavoro fatto, soprattutto con i giovani, è stato estremamente positivo e nonostante molti dei pezzi pregiati della rosa empolese siano stati ceduti, i tifosi sono convinti che la strada intrapresa sia quella giusta.

Per l’Empoli inizia un nuovo ciclo

Come detto, nella passata stagione, l’Empoli ha fatto talmente bene dal punto di vista tecnico che la rosa degli azzurri è stata letteralmente presa d’assalto dalle squadre militanti in massima serie. Mentre Rade Krunić e Ismaël Bennacer sono stati acquistati dal Milan per un cifra complessiva che ha superato i 25 milioni di euro, Francesco Caputo e Hamed Traoré nella prossima stagione vestiranno la maglia neroverde del Sassuolo di patron Squinzi. Giovanni Di Lorenzo, terzino classe 1993, come raccontato anche da Il Corriere dello Sport, dopo essere stato acquistato dal Matera nel 2017 per soli 600mila euro, è diventato un nuovo giocatore del Napoli di Carlo Ancelotti per una cifra vicina ai 10 milioni, permettendo alla società del presidente Corsi di mettere a segno una plusvalenza mostruosa.

Il tesoretto derivante dalla cessione dei propri big, nonché il “paracadute” previsto in caso di retrocessione dalla Serie A, ha permesso alla dirigenza di allestire una squadra estremamente competitiva che, al 5 di agosto, secondo le scommesse calcio di Betway, a quota 2,80 si presenta da assoluta favorita per la vittoria del campionato cadetto. Alle cessione dei già citati Bennacer, Krunić, Di Lorenzo, Pucciarelli, Caputo e Traoré, sono infatti seguiti gli acquisti di Jacopo Dezi, Leo Štulac, Leonardo Mancuso, Dīmītrīos Nikolaou, Alberto Brignoli, Karim Laribi e Stefano Moreo, i quali andranno a comporre una rosa estremamente interessante anche in ottica futura, a conferma della volontà dell’Empoli di tornare al più presto in Serie A e di dar vita ad un progetto duraturo.

Le favorite per la promozione in Serie A

Nonostante l’Empoli arrivi al prossimo campionato con tutti i favori del pronostico dalla sua parte, in Serie B nulla deve essere dato per scontato. Mister Bucchi dovrà essere bravo a tenere alto il livello di concentrazione dei propri uomini, i quali, dal canto loro, dovranno essere bravi ad immergersi sin da subito in un contesto estremamente complicato e imprevedibile come quello del campionato cadetto. Tanto più che, stando alle notizie che giungono dal calciomercato, sono diverse le squadre che hanno deciso di investire in modo massiccio sul mercato, nel tentativo di guadagnarsi la tanto agognata promozione in massima serie. Oltre al Frosinone ed al Chievo Verona, che come l’Empoli avranno grandi disponibilità economiche grazie all’ormai noto “paracadute”, il Benevento sembra avere tutte le carte in regola per sognare in grande.

I sanniti, grazie agli enormi sforzi economici profusi dal presidente Vigorito, sono riusciti ad assicurarsi le prestazioni sportive di Oliver Kragl, Marco Sau, Pasquale Schiattarella e Roberto Insigne, che vanno ad aggiungersi alla rosa già competitiva a disposizione di mister Filippo Inzaghi. Sebbene ad oggi non siano indicate quali favorite assolute, le altre squadre che stanno lavorando decisamente bene sul mercato e che sembrano intenzionate a disputare un campionato di vertice sono sicuramente Perugia, Cremonese e Crotone. Più distanti, invece, anche se potrebbero rappresentare le sorprese di questa stagione, sono Pescara e Salernitana. Soprattutto i campani, dopo aver accolto Gian Piero Ventura come allenatore, nelle prossime ore potrebbero acquistare Alessio Cerci: l’attaccante esterno, sebbene abbia giocato poco nelle ultime stagioni, sarebbe un vero e proprio lusso per la categoria e rilancerebbe le ambizioni di una società che negli ultimi tempi non se l’è passata benissimo.

In un calcio come quello odierno, in cui i soldi la fanno da padrone, l’Empoli si erge quale modello di società sana, in grado di valorizzare giovani semisconosciuti senza spendere un patrimonio e senza ricorrere all’indebitamento. I tifosi empolesi, dal canto loro, continuano a manifestare il proprio attaccamento alla squadra e sperano che, chiuso un ciclo, se ne possa aprire un altro. Il sogno della piazza, ad ogni modo, è che nei prossimi anni gli azzurri possano risiedere stabilmente in Serie A, magari producendo un calcio spettacolare come quello messo in mostra nella passata stagione