La situazione sembra più complicata del previsto. Ha parlato a Sportmediaset Giuseppe Capua, membro della commissione medica FIGC e presidente della commissione antidoping della Federcalcio. Capua ha spiegato gli effetti della prescrizione del Comitato tecnico scientifico ed è stato sibillino: “Il campionato non parte se non si trova una soluzione“.

Il modello tedesco va bene, non capisco perché non farlo in Italia. Il Cts ha messo i bastoni fra le ruote. Ragionando, qualcosa si trova“. Ancora Capua: “Per quanto riguarda i dilettanti, bisognerà attendere un vaccino, il rischio 0 non ci sarà a settembre, ottobre o novembre. Bisogna avere grande pazienza ed equilibrio“.