(foto Empoli Fc Official)


Il portiere azzurro Alberto Brignoli ha parlato sulle pagine del Corriere dello Sport. Ecco le sue parole riprese da twm.com. Ha cominciato parlando del clima nella sua Bergamo.

“Lì sono tutti in trincea. La mia famiglia sta bene, lo stesso i miei amici. Ma in questo momento la distanza si è fatta ancora più pesante. Vorresti fare qualcosa in più e alla fine ti rendi conto che mantenere la lucidità, non trasmettere ansia è l’unica cosa che può davvero essere utile”.

E’ però poi tempo di provare a parlare di calcio: “I nostri preparatori si collegano con noi da remoto, e così scherziamo, lavoriamo e ci facciamo anche compagnia. Forse il mio vicino penserà che sono matto, vedendomi parlare con uno schermo, ma, a emergenza finita, glielo spiegherò. Ho riscoperto cosa significa non camminare costantemente sulla corda, sottilissima, della tensione agonistica. A ogni modo, Marino ci ha dato le linee guida da seguire, col suo staff. E’ un esempio. La ripresa sarà un’incognita per tutti, di certo, noi non avremo più bonus: li abbiamo esauriti. Il pareggio col Trapani ci ha scacciato fuori dalla zona playoff, nonostante le tante vittorie delle ultime settimane. Servirà lucidità psico-fisica”.