(foto Empolichannel.it)


In principio fu Della Monica, poi vennero Ekström, Pucciarelli, Farias e un pizzico di Dragowski, senza dimenticare Vannucchi e Esposito. Empoli-Fiorentina ha avuto moltissimi protagonisti tra le fila degli azzurri: non sono tante le sfide metropolitane tra le due, così come non sono molte le vittorie empolesi, ma qualche soddisfazione i ‘cugini di campagna’ se la sono tolta eccome. Sabato sarà la 29esima partita tra le due tra A e Coppa Italia. Finora 6 vittorie empolesi, 7 pari, 15 vittorie viola. Al Castellani si è giocato 12 volte: 4 successi azzurri, 5 viola e 3 pari.

E pensare che le prime volte a Empoli sono state bellissime. Il primo derby al Castellani in assoluto è stato in Coppa Italia nel 1985-86 in una partita pazzesca. Andata degli ottavi di finale, Empoli sfavorito. Viola avanti con Maldera, a venti dalla fine succede di tutto: Zennaro e Cecconi ribaltano i fiorentini, Battistini pareggia subito e Della Monica all’89’ dà un incredibile successo all’Empoli. Peccato che al ritorno Monelli e Oriali rovinino il sogno empolese. Ma ci pensa Johnny Ekström a rimediare: il lampo dello svedese decide il primo Empoli-Fiorentina di Serie A, il 30 novembre 1986.

Per tornare a vincere il derby al Castellani l’Empoli deve aspettare trent’anni. Nel mezzo si trova qualche bel risultato: l’1-1 firmato Esposito del 1997-98 contro la Fiorentina più forte dell’era recente, ma anche il pari di Vannucchi al gol di Pazzini del 2005-06. Tante le sconfitte, come un doloroso 0-2 nell’anno della retrocessione con Cagni o un immeritato 1-2 sempre con Cagni ma nella stagione della UEFA. Si conta anche un 2-3 a salvezza raggiunta nell’epoca Sarri e, a cavallo tra due precedenti memorabili, un secco 0-4 nel 2016-17.

Poi con Giampaolo il derby dolcissimo del 10 aprile 2016. Una Fiorentina lanciata trova un Empoli a secco di successi, serve una vittoria per rimettersi in carreggiata. Davanti alla magistrale coreografia della Maratona prima Pucciarelli poi Zielinski tingono il campo dell’azzurro del cielo: che vittoria, che ricordi. Ugualmente gustoso il precedente del 2018-19 quando Farias piegò la Viola e Dragowski fece una parata alla Banks al 90′ su Vlahovic. Partita finita benissimo, stagione finita malissimo: proprio la Fiorentina col Genoa fece uno 0-0 che ancora fa male.

Gianmarco Lotti