Un azione di gioco di Empoli-Atalanta


L’Empoli trova l’Atalanta al Castellani, una sfida che rievoca sia bei ricordi che brutte sensazioni. Sarà la ventinovesima partita tra azzurri e nerazzurri nella storia, nei ventotto precedenti l’Empoli ha vinto cinque volte e perso in dieci occasioni, tredici i pareggi. Sono quattro le vittorie in quattordici match al Castellani (tre i successi atalantini, sette i pareggi in Toscana). Quando si gioca a Empoli, però, non è mai una gara scoppiettante, fatta eccezione per l’ultimo precedente.

In quattordici partite sono stati solamente diciotto i gol segnati nella storia di Empoli-Atalanta al Castellani. Ben cinque di questi vengono dal pazzo 3-2 del 2018-19, ultimo confronto toscano e ultima vittoria dell’Empoli contro la Dea (al ritorno finì 0-0 con una serie di parate incredibili di Dragowski). Fu un successo importante, ma inutile poi alla fine della stagione quando l’Empoli andò giù.

Empoli-Atalanta non è un bel ricordo nemmeno se si va alla gara precedente in ordine di tempo, la penultima del 2016-17. Vincendo, l’Empoli sarebbe salvo, ma il gol di Gomez spezza i sogni della squadra di Martusciello e ci penserà il Palermo la settimana successiva a mandare la squadra nell’incubo. C’è anche il 2-0 solido dell’aprile 2007 che dette all’Empoli mezza qualificazione in Coppa UEFA, ma pure lo 0-0 del 2002-03 che fu un tassello per la salvezza con Silvio Baldini.

Insomma, i gol tradizionalmente sono pochi ma le emozioni non mancano. E stiamo solamente parlando di squadre maggiori, perché se si dà uno sguardo alla Primavera allora ci sono dei confronti tra azzurri e nerazzurri che fanno piangere di gioia.