empoli_atalanta_sfida


L’AVVERSARIA – L’Empoli sfiderà l’Atalanta di Gasperini nel decisivo match per la salvezza, in programma domenica 20 al Castellani. Una sfida molto difficile tra gli azzurri, quart’ultimi in classifica, e la Dea, già qualificata in Europa League e a caccia dell’ultimo punto che sigillerebbe il 5° posto in campionato.

Grazie a un’annata su altissimi livelli, iniziata con l’arrivo al comando proprio di Gasperini, i bergamaschi sono tornati nelle competizioni europee dopo ben 26 anni. Anche se l’obiettivo è quasi confermato, l’Atalanta deve comunque conquistare l’ultimo punto per impedire al Milan di poter ambire alla quinta posizione.

All’andata finì con una vittoria dei nerazzurri all’ultimissimo minuto. Mchedlidze aprì le marcatura, poi Kessie pareggiò la partita e proprio allo scadere D’Alessandro portò in vantaggio i padroni di casa.

COME GIOCA – Gasperini schiera i suoi con un 3-5-2 comunque molto propositivo. Berisha tra i pali, mentre in difesa agiscono Toloi a destra, Masiello a sinistra e Caldara in mezzo. A centrocampo Cristante si posiziona in cabina di regia, affiancato dai due interni Kessie e Freuler. Sugli esterni agisce Conti a destra e Spinazzola a sinistra. Davanti la temibile coppia Gomez-Petagna.

PUNTI DEBOLI E DI FORZA – L’Atalanta è una squadra quadrata, fatta di giovani di talento e qualche elemento d’esperienza come Gomez e Masiello. L’allenatore, Gasperini, è riuscito a dare una solida identità a una rosa che piano piano ha trovato sia i risultati che il bel gioco.

La dimostrazione è il gran numero di gol segnato anche dai difensori come Conti e Caldara. L’Empoli dal canto suo dovrà tirare fuori tutte le motivazioni possibili per cercare una vittoria che sarebbe importantissima in chiave salvezza. Impresa davvero difficile, ma l’Empoli deve crederci.

Giorgio Galimberti